Progetto esterno Xylocopini - 1985-in poi

            di Salvatore Vicidomini

Ricercatori coinvolti: Guido Campadelli, Carlo Meloni, Camillo Pignataro, Salvatore Vicidomini.

            Durata: 1985 in poi.

 

            La sottofamiglia Xylocopinae (Hymenoptera: Apidae) è costituita dalle tribù Xylocopini, Manuelini, Ceratinini, Allodapini, le cui specie (tranne le parassite) nidificano in vari substrati vegetali, quali tronchi, pali, internodi di canne e bambù, steli cavi o colmi di midollo spugnoso, sia erbacei che florali. Queste specie scavano gallerie (substrati pieni) od utilizzano cavità preesistenti (substrati cavi), che verranno poi parzialmente riempite con uova, separate o meno in celle pedotrofiche ovvero in cellette contenenti una quantità definita e definitiva di cibo per le larve, solitamente indicata come pasta pollinica; solo le specie del genere Proxylocopa Hedicke, 1938, sono passate secondariamente ad un habitus ipogeo del nido. La tribù Xylocopini (Xylocopa Latreille, 1802; Lestis Lepeletier & Serville, 1828; Proxylocopa) in base a recenti revisioni sistematiche, pare abbia avuto un ruolo centrale nella filogenesi delle api in senso stretto (Apinae); per tale motivo sono fioriti gli studi su questa tribù, particolarmente quelli comparativi etologici in virtù del loro sempre maggiore ed opportuno uso a fini sistematici. Molto utile per la storia evolutiva della socialità negli Apinae, si è rivelato lo studio dei comportamenti sociali e presociali presenti negli Xylocopinae. Pochissime specie però sono state approfonditamente studiate in tal senso e ancor meno per un cospicuo numero di generazioni.

            Le specie del genere Xylocopa Latreille, 1804 sono note come "large carpenter bees" in quanto nidificano scavando gallerie nel legno, solitamente in più direzioni all'interno del tronco, ottenendo un nido ramificato. Alcune specie possono nidificare anche negli internodi di canne o bambù. Xylocopa e gli Xylocopini in generale, hanno una sistematica notevolmente complessa e artificiosa per molteplici motivi, tra i quali, storicamente, ha assunto particolare rilievo, la grande variabilità intraspecifica sia nei pattern di colorazione della pubescenza corporea che dei colori e riflessi metallescenti delle ali. Poichè la variabilità intraspecifica è stata storicamente, e prevalentemente, interpretata come interspecifica, si è giunti alla descrizione di un numero elevatissimo di taxa, anche oltre 800. Per tali motivi urge un attento riesame dei dati sistematici attualmente noti ed un ampliamento delle conoscenze sulla zoogeografia e distribuzione di tali specie. I tentativi di rendere più omogenea e naturale la sistematica degli Xylocopini sono recentemente notevolmente aumentati, sia a livello tribale che intra-tribale. La mancanza di dati in seno ad un elevato numero di forme descritte, è rilevante ed è necessario provvedere a colmare le cospicue lacune anche in campo sistematico-faunistico.

            Il presente progetto ha avuto tre direttrici fondamentali fin dalla sua nascita.

-) Bibliografica. - compilazione della più estesa lista di catalogazione di informazioni bibliografiche riguardanti i soli Xylocopini, dal 1700 al 1999, contenenti anche brevissime citazioni.

b) Biologica. - studio approfondito e quantitativo della biologia dal 1986 al 1999 di Xylocopa violacea (L.) come specie modello nell'ambito della tribù.

c) Museale. - costituzione di un "data base" delle collezioni entomologiche italiane pubbliche e private degli Xylocopini, eventualmente estendibile anche ai limitrofi paesi esteri, utilizzando l'immensa mole di dati disponibili all'interno di dette collezioni, da servire come fonte di dati per revisioni sistematiche e faunistiche, morfologia, studi comparativi, ecc.

            Dal 1997 in poi l'attività di ricerca è stata gradualmente spostata dalla precedente sede di Nocera Inferiore (SA: 84014) alla sede attuale del Museo Naturalistico di Corleto Monforte, nelle cui collezioni confluirà anche quella del presente progetto.

 

Bibliografia di riferimento:

01        Vicidomini S., 2007 - World bibliography on Xylocopini tribe (Insecta: Hymenoptera: Apoidea: Apidae: Xylocopinae): Xylocopa Latreille, 1802; Lestis Lepeletier & Serville, 1828; Proxylocopa Hedicke, 1938. - Natur. Campano (Pubbl. Aperiod. Mus. Nat. Alburni, C. Monforte), n.speciale.

02         Vicidomini S., 2001 - Distribuzione della tribù Xylocopini (Hymenoptera: Apidae: Xylocopinae) in Italia: rassegna delle segnalazioni bibliografiche italiane. - Natura Bresciana, 33: 67-80.

03           Vicidomini S., 2005 - La posizione sistematica degli Xylocopini all'interno degli Apoidea (Hymenoptera): dati paleontologici e neontologici. - Natur. Campano (Pubbl. Aperiod. Mus. Nat. Alburni, C. Monforte), n.11.

04           Vicidomini S., 2006 - Biologia di Xylocopa violacea (L.) (Hym.: Apidae): biologia della nidificazione. - Area Vesuvio, Sez. Fauna (http://www.areavesuvio.org/), volume 2006.

05

06

07

08

09